Nuovi approfondimenti su come il virus Zika influisce sulla gravidanza

Nuovi approfondimenti su come il virus Zika influisce sulla gravidanza

172nd Knowledge Seekers Workshop , May 18, 2017 - Keshe Foundation (Potrebbe 2019).

Anonim

In questo momento, il virus Zika colpisce la maggior parte delle persone in luoghi tropicali e subtropicali caldi e umidi vicino alle coste e persone che vivono in zone temperate ma che sono stati infettati durante il viaggio più vicino all'equatore. Più di 2 miliardi di persone vivono in zone tropicali e subtropicali come fa la zanzara Aedes aegypti, la principale portatrice del virus. È ben noto che la zanzara Aedes è la principale fonte di infezione, ma poco si sa come il virus attraversa la barriera materno-fetale che altrimenti protegge un feto da minacce esterne durante la gestazione.

Rischio su scala globale

Dei 2 miliardi di persone che convivono con la zanzara Aedes, nel 2016 si prevede che circa 4 milioni siano infettati dal virus. La maggior parte delle persone non sarà danneggiata dall'esposizione al virus, ma il danno arrecato al feto è grave e porta alla vita lunghe conseguenze così difficili da prevedere che alcuni servizi sanitari pubblici locali saranno sovraccarichi fino al punto di crollare.

La barriera materno-fetale

La capacità del virus di passare dal sangue della madre al cervello del feto è stato un mistero per gli scienziati medici di tutto il mondo, ma un nuovo studio offre nuove informazioni su come il virus Zika possa influire sulla gravidanza. I ricercatori hanno studiato il tessuto dalle placente di tre donne libere dal virus per vedere quali cambiamenti si sono verificati una volta introdotto il virus.

La placenta è un organo vitale per tutti gli esseri umani ma, anche così, si capisce ben poco di come funzioni. È l'unico organo che si forma in età adulta ma, poiché lo fa durante la gravidanza, è stato studiato pochissimo. Con una gravidanza e una nuova vita umana dipendenti dalla salute della placenta, è stato quasi impossibile studiare la placenta in profondità. I ricercatori hanno utilizzato il tessuto placentare naturalmente espulso poco dopo il parto per il loro studio.

Effetto virale su Placenta

La ricerca ha rivelato due tipi di cellule placentari che sembrano essere importanti per la sopravvivenza e la diffusione del virus:

  • Celle di Hofbauer - Di solito lavorano con il sistema immunitario per mantenere gli agenti patogeni (corpi estranei come virus o batteri che causano malattie) lontano dal feto e dal sacco amniotico.
  • Fibroblasti: questi elementi costitutivi della placenta conferiscono all'organo la sua forma e struttura.

I ricercatori hanno scoperto alte concentrazioni del virus in queste cellule. Le cellule Hofbauer sono state descritte come "fisicamente abitazioni" del virus e si suggerisce che queste cellule del sistema immunitario possano effettivamente trasportare il virus nel cervello del feto.

Resta sconosciuto come il virus attraversi la barriera materno-fetale per raggiungere la placenta, ma le teorie includono:

  • Piggybacking: il virus potrebbe attaccarsi agli anticorpi che vanno dalla madre al feto per mantenere il feto sano in circostanze normali.
  • Dimensione virale - Il virus potrebbe essere talmente piccolo che può aprirsi la strada, inosservato, tra le cellule della membrana che separa la madre e il feto. Le cellule di questa membrana sono impacchettate in modo estremamente ravvicinato in modo che non possano passare nient'altro che i nutrienti e l'ossigeno.

In questo momento, si ritiene che l'entità del danno fetale sia legata al trimestre in cui la madre si infetta. Le conseguenze a lungo termine rimangono sconosciute in questo momento, tuttavia, poiché il legame tra il virus Zika e la microcefalia in Brasile è apparso per la prima volta solo nell'estate del 2015. I ricercatori indicano che ulteriori studi su come il virus influenza la placenta potrebbe essere la chiave per capire di più sui meccanismi della malattia.

fonti:

Boeuf, Phillipe, et al. "La minaccia globale del virus Zika alla gravidanza: epidemiologia, prospettive cliniche, meccanismi e impatto". PMC. BMC Medicine / BioMed Central, agosto 2016. US National Library of Medicine / National Institutes of Health. Web. 19 agosto 2016.

Hemphill, Sandy. "Virus Zika: come distrugge il cervello fetale, che le città degli Stati Uniti sono più vulnerabili". babyMed. BabyMed.com, marzo 2016. Web. 19 agosto 2016.

Jurado, Kellie Ann, et al. "Il virus Zika infetta in modo produttivo i macrofagi specifici della placenta umana." JCI Insight / American Society for Clinical Investigation (2016). Web. 19 agosto 2016.

-------------------------------------------------- -----------------