Nuovi test della tiroide e del sangue predicono Preeclampsia

Nuovi test della tiroide e del sangue predicono Preeclampsia

"Il mio Medico" - Malattie del sangue: nuove cure (Potrebbe 2019).

Anonim

La preeclampsia è una complicanza grave della gravidanza che colpisce ben l'8% di tutte le gravidanze. Il disturbo si sviluppa durante il terzo trimestre ma non produce sintomi prima. A partire da questo momento, non ci sono test definitivi per determinare chi svilupperà il disturbo, ma trovare i primi marcatori è oggetto di molti studi medici. Due studi pubblicati negli ultimi mesi suggeriscono che la gonadotropina corionica umana (hCG) possa svolgere un ruolo chiave nello sviluppo della preeclampsia.

Preeclampsia sintomi e conseguenze

La preeclampsia causa un aumento allarmante della pressione sanguigna della futura gestante durante il terzo trimestre. Una concentrazione anormalmente alta di proteine ​​nelle sue urine è un altro sintomo. L'unico modo per curare la preeclampsia è consegnare il bambino in modo che gli specialisti della maternità provino spesso a mantenere la gravidanza il più a lungo possibile con un attento monitoraggio, riposo a letto e attenuazione dei sintomi.

Quando la preeclampsia progredisce verso l'eclampsia (grave preeclampsia), il rischio di emorragia, insufficienza renale, convulsioni e morte materna diventa elevato. I bambini sono a rischio di nascita prematura e delle sue complicanze.

Gonadotropina corionica umana

Poco dopo la fecondazione, l'embrione inizia a produrre un ormone chiamato gonadotropina corionica umana. Stimola la produzione di progesterone per addensare il rivestimento dell'utero e arricchire il suo apporto di sangue per preparare l'utero per la gravidanza. L'ormone svolge anche un ruolo nel sopprimere il sistema immunitario della donna per non respingere il feto in via di sviluppo durante le prime fasi della gravidanza. Molti test di gravidanza si basano sulla presenza di hCG per determinare risultati positivi o negativi.

Preeclampsia e tiroide

Alcune donne rimangono incinte con problemi sottostanti ma insospettati con la loro ghiandola tiroide come la malattia di Graves. Altri non hanno problemi alla tiroide ma l'hCG a volte causa ipertiroidismo (ghiandola iperattiva) durante la gravidanza. Indipendentemente dalla fonte di ipertiroidismo, i farmaci per il trattamento possono essere rischiosi durante la gravidanza.

Un team di ricercatori del Centro medico universitario Erasmus di Rotterdam, nei Paesi Bassi, ha testato gli ormoni e la funzione tiroidea di 5.153 donne prima di raggiungere la settimana 18 di gestazione e ha rilevato che:

  • Quando gli ormoni tiroidei venivano prodotti a livelli elevati ma l'hCG veniva prodotto a bassi livelli, la donna aveva tra le tre e le 11 volte maggiori probabilità di sviluppare preeclampsia in seguito durante la gravidanza.
  • Nessun rischio di preeclampsia è stato associato ad alti livelli di hCG e ormoni tiroidei.

"I medici attualmente non controllano la preeclampsia, anche se molti misurano l'ormone tiroideo durante la gravidanza", ha detto il dott. Tim Korevaar, autore principale dello studio. Egli suggerisce che la misurazione precoce della gravidanza di hCG potrebbe essere un predittore funzionale di chi è maggiormente a rischio per la preeclampsia.

Rischio preeclampsia indicato da analisi del sangue

In uno studio separato condotto dall'Ospedale per la salute e la ricerca sulla salute delle donne di Zekai Tahir Burak ad Ankara, in Turchia, i ricercatori hanno scoperto che componenti del sangue possono indicare il rischio di preeclampsia all'inizio della gravidanza.

I ricercatori hanno esaminato campioni di sangue prelevati da 614 donne durante il loro primo trimestre:

  • 288 svilupparono una lieve preeclampsia.
  • 326 hanno sviluppato casi gravi.
  • 320 rimase libero dalla preeclampsia per tutta la gravidanza.

Le donne che hanno sviluppato una grave pre-eclampsia avevano livelli significativamente più elevati di neutrofili nei linfociti (NLR) nelle prime fasi della gravidanza rispetto a quelli che rimanevano liberi dalla malattia. I neutrofili sono il più abbondante di tutti i tipi di globuli bianchi nel sistema immunitario. I linfociti sono globuli bianchi prodotti dal sistema linfatico.

Un altro marker trovato per segnalare il rischio di preeclampsia era proteina plasmatica associata alla gravidanza-A (PAPP-A). Bassi livelli di PAPP-A sono associati ad un aumentato rischio di problemi medici a base di placenta che includono la restrizione della crescita intrauterina, la distensione della placenta, la prematurità e la morte del feto.

La proteina è anche associata alla preeclampsia. Le donne turche con bassi livelli di PAPP-A avevano maggiori probabilità di sviluppare preeclampsia rispetto a quelle che rimanevano libere dal disturbo.

Sebbene non esistano ancora test che identifichino con precisione chi svilupperà la preeclampsia, la ricerca in corso sta trovando utili indicatori come questi che si sviluppano all'inizio della gravidanza e indicano un aumento del rischio per la malattia. La maggior parte delle donne viene testata per la funzionalità tiroidea e per la salute del sangue durante le visite prenatali di routine.

fonti:

Korevaar, Tim, et al. "La misurazione aggiuntiva dell'hCG distingue la funzione tiroidea fisiologica alta e normale e rivela grandi differenze nel rischio di sviluppare la preeclampsia". Estratti endocrini . Congresso europeo di endocrinologia / bioscientifica DOI: 10.1530 / endoabs.41.OC4.1, maggio 2016. Web. 12 luglio 2016.

Kirbas, Ayse, et al. "Prediction of Preeclampsia by First Trimester Combined Test e Simple Complete Blood Count Parameters." PMC. Journal of Clinical & Diagnostic Research / JCDR Research & Publications Private Limited novembre 2015. US National Library of Medicine / National Institutes of Health . Web. 12 luglio 2016.