Neighborhood Greenspaces: Calmer Kids, Happier Adults

Neighborhood Greenspaces: Calmer Kids, Happier Adults

Stop! Rodando el Cambio - sub english / français / italiano / castellano (Potrebbe 2019).

Anonim

Gli effetti mentali e fisici del trascorrere del tempo all'aria aperta circondati da Madre Natura sono oggetto di molti studi negli ultimi anni, poiché le popolazioni di città sono salite alle stelle e le popolazioni rurali sono diminuite. Due recenti studi sugli spazi verdi del vicinato in contesti urbani hanno trovato benefici per le persone di tutte le età. Uno studio ha trovato che i bambini sono più calmi, meno aggressivi, quando uno spazio verde è vicino. Gli altri alberi trovati aiutano gli adulti a sentirsi più ricchi, più giovani e più felici in generale.

Calmer Kids in California

Un gruppo di ricerca con sede in California ha arruolato genitori di 1.287 gemelli e terzine di età compresa tra 9 e 18 anni per determinare se vivere in prossimità di un'area verde del quartiere abbia avuto qualche effetto sull'aggressività nei bambini. I genitori hanno completato periodicamente una lista di controllo del comportamento del bambino standard tra il 2000 e il 2002 a uno, tre, sei e dodici mesi dopo l'iscrizione e ancora tre anni dopo essere entrati nello studio. Di particolare interesse per i ricercatori sono stati l'incidenza di combattimenti e urla. Tutte le famiglie vivevano nelle città del sud della California.

Le immagini satellitari identificavano l'abbondanza di verde nelle vicinanze della casa di ogni famiglia e quanto lontani fossero gli spazi verdi.

I risultati sono rimasti costanti durante le valutazioni di follow-up a breve ea lungo termine. Quando gli adolescenti vivevano a meno di 1.000 metri (3.829 piedi, poco meno di 3/4 di miglio) di un parco, zona verde, area boschiva o altri spazi verdi artificiali o naturali, erano significativamente meno aggressivi dei loro coetanei che vivono più lontani da verde di quartiere. La prossimità agli spazi verdi della zona riduceva gli incidenti aggressivi a sufficienza che questi adolescenti più tranquilli misuravano da 2 a 2, 5 anni più maturi rispetto ai compagni di studio.

Gli adulti più felici a Toronto

Uno studio che ha coinvolto ricercatori provenienti da Australia, Canada e Stati Uniti ha confrontato i marcatori della qualità di vita negli adulti con il numero di alberi nelle loro strade di casa a Toronto, in Ontario.

Quando c'erano 10 alberi all'interno di un isolato, gli adulti valutavano i propri livelli di salute e felicità allo stesso modo di se stessi:

  • Ottenere un aumento del reddito annuale di $ 10.000.
  • Trasferirsi in un quartiere con un reddito medio superiore di $ 10.000.
  • Avere 7 anni più giovane.

Quando un isolato conteneva 11 o più alberi, l'incremento di salute e felicità era simile a:

  • Ottenere un aumento di pagamento annuale di $ 20.000.
  • Trasferirsi in un quartiere con un reddito medio superiore di $ 20.000.
  • Essendo 1, 4 anni più giovane.

Rispetto alla città nel suo complesso, i partecipanti allo studio erano:

  • Leggermente più giovane (43, 8 anni di età media del partecipante allo studio contro i 47, 9 anni di età media per la popolazione complessiva di Toronto).
  • Più donne (59% contro il 52% della città).
  • Leggermente più colto (35, 3% con laurea triennale rispetto al 33%).
  • Un po 'più ricco ($ 93, 399 reddito medio familiare contro $ 87, 038 per l'intera città).

Entrambi gli studi aggiungono al crescente numero di prove che indicano il tempo trascorso dentro e intorno agli alberi e altri elementi naturali alzano lo spirito e incoraggiano l'attività fisica.

fonti:

Younan, Diana, et al. "Determinanti ambientali dell'aggressione negli adolescenti: ruolo dello spazio urbano del vicinato". Rivista dell'American Academy of Child & Adolescent Psychiatry / Elsevier 55.7 (2016): 591-601. ScienceDirect . Web. 7 luglio 2016.

Kardan, Omid, et al. "Quartiere spazio verde e salute in un grande centro urbano". PMC . Rapporti scientifici / Gruppo editoriale naturale. doi: 10.1038 / srep11610, 9 luglio 2016. US National Library of Medicine / National Institutes of Health . Web. 7 luglio 2016.