FIGO Call to Action Toxins e l'ambiente

FIGO Call to Action Toxins e l'ambiente

The Excretory System: From Your Heart to the Toilet - CrashCourse Biology #29 (Luglio 2019).

Anonim

Parte quinta di una serie in cinque parti --- All'inizio di dicembre 2015, la Federazione internazionale di ginecologia e ostetricia (FIGO) ha emesso una comunicazione speciale che include un appello globale all'azione contro l'uso incontrollato e incontrollato di sostanze chimiche tossiche per tutti i loro applicazioni agricole. Ogni anno queste sostanze chimiche ambientali costano milioni di vite. Il loro impatto economico sul sistema sanitario globale è di miliardi di dollari. Senza un cambiamento significativo e unificato, ci si può aspettare che questo onere umano ed economico cresca. Nel tentativo di arrestare questo modello di crescita, FIGO formula sette raccomandazioni per un futuro più pulito e più sano per tutti.

I sette consigli di FIGO

Le sette raccomandazioni della FIGO sono state fatte pensando alla comunità globale. Ridurre al minimo l'esposizione a sostanze chimiche tossiche per l'ambiente è fare lo stesso per tutti.

1). Il carico chimico di vita quotidiana mette in pericolo la riproduzione umana - Delle decine di migliaia di sostanze chimiche industriali in uso in tutto il mondo, almeno 800 sostanze chimiche comunemente usate sono classificate come interferenti ormonali. Interferiscono con i processi ormonali naturali del corpo in modi che alterano la funzione sessuale e rendono la riproduzione difficile o impossibile. Il pericolo non è sempre limitato all'esposizione diretta; l'esposizione prenatale può avere conseguenze per tutta la vita (vedi la quarta parte di questa serie per un esempio). Solo un numero minuscolo di queste sostanze chimiche che alterano gli ormoni è stato testato per i loro effetti sull'uomo.

2). Prevenire i danni riproduttivi deve diventare una priorità sanitaria - FIGO esorta i fornitori di servizi sanitari a tutti i livelli del sistema a rendere l'esposizione chimica ambientale una parte di routine di ogni consultazione del paziente, ma la conversazione da sola non è sufficiente. La tipica struttura medica è un ambiente ricco di sostanze chimiche, dai fornitori di guanti di plastica ai tubi medici e altri dispositivi utilizzati per curare i pazienti. I servizi di cibo, igiene e sterilizzazione si basano su prodotti chimici sintetici che si aggiungono all'onere, così come l'approvvigionamento di carburante che alimenta la struttura. Se le strutture sanitarie iniziassero a utilizzare sistematicamente attrezzature, forniture e prodotti meno tossici, i pazienti e il personale ne trarrebbero beneficio e altre industrie potrebbero seguirne l'esempio.

3). I prodotti chimici tossici viaggiano e non possono riconoscere ricchezza e povertà - I regolamenti rigorosi in una nazione valgono quanto i suoi standard di importazione / esportazione. Il commercio globale coinvolge tutti i prodotti conosciuti dall'uomo, dal cibo che mangiamo al carburante che usiamo per alimentare le nostre automobili, case, uffici e scuole e proviene da una serie di nazioni con vari livelli di controlli e regolamenti sulla sicurezza.

Attualmente, il carico di sostanze chimiche ambientali è maggiore nelle nazioni ricche sviluppate, dove le strutture di trattamento chimico estese sono accessibili e la domanda dei consumatori è elevata, ma è in corso un cambiamento socioeconomico. Sempre più le sostanze chimiche ambientali vengono fabbricate e utilizzate nelle nazioni meno sviluppate dove l'accesso alle cure mediche può essere piuttosto limitato. Le persone ricche hanno le stesse probabilità di diventare nauseate da esposizioni chimiche tossiche, ma i sistemi medici avanzati in queste aree possono aiutare a minimizzare i danni. Nelle aree in cui la povertà è diffusa e il sistema medico è più primitivo, l'esposizione a sostanze chimiche tossiche ambientali può essere devastante.

4). Equità e salute richiedono una prospettiva globale - Gli operatori sanitari sono di solito i primi a individuare prove dell'esposizione chimica tossica in una popolazione, ma il sistema sanitario da solo non può eliminare il problema. La politica pubblica a tutti i livelli di ogni governo deve essere adottata e utilizzata più o meno allo stesso modo in cui la politica pubblica diffonde effettivamente la notizia dei pericoli del tabacco. Le politiche internazionali e gli standard normativi sulla produzione, distribuzione e uso di sostanze chimiche ambientali devono essere semplificati al di là delle frontiere per garantire che tutte le persone in tutte le nazioni godano dello stesso grado di protezione da queste sostanze chimiche pericolose.

5). I produttori di sostanze chimiche devono essere parte della conversazione - Anche se la conversazione globale sulla protezione dall'esposizione tossica diventasse la norma in ogni struttura sanitaria, in ogni casa, luogo di lavoro e scuola e a tutti i livelli di governo, il problema continuerebbe a esistere senza cooperazione e partecipazione dei produttori chimici in funzione in tutto il mondo. I rischi per la salute per gli esseri umani devono diventare un elemento standardizzato nella ricerca, sviluppo, produzione, distribuzione e uso di ogni sostanza chimica rilasciata nell'ambiente in qualsiasi parte del pianeta. Quelli attualmente in uso devono essere accuratamente testati per la sicurezza umana. Le nuove sostanze chimiche sintetizzate in futuro devono essere testate a fondo prima che la loro fabbricazione e l'uso vengano presi in considerazione.

6). Le politiche che proteggono dall'esposizione tossica ai prodotti chimici ambientali devono essere uniformi e globali - Poiché viaggiano liberamente in tutto il mondo, le politiche che proteggono dall'esposizione tossica alle sostanze chimiche ambientali devono essere uniformi e globali prima di poter ottenere una sicurezza diffusa. La mentalità del "non nel mio cortile" che sposta il carico chimico da un luogo all'altro deve essere eliminata come un mezzo di protezione inefficace. Anche se le popolazioni più vulnerabili del mondo non sono così esplicite nelle loro obiezioni, i pericoli che affrontano sono gli stessi ovunque. Le sostanze chimiche che causano difficoltà riproduttive - infertilità, complicanze della gravidanza, bambini nati morti, morti materne e infantili, malformazioni fetali, deficit dello sviluppo neurologico, carenze immunologiche e simili - nelle popolazioni più vulnerabili sono esattamente le stesse sostanze chimiche utilizzate nei soggetti più privilegiati popolazioni. Nessuno è immune

7). I prodotti chimici tossici creano ecosistemi tossici che mettono a repentaglio la vita umana - Indipendentemente da quanto un individuo, una famiglia o una comunità lavori per ridurre al minimo l'esposizione a sostanze chimiche tossiche ambientali, è attualmente impossibile fare qualcosa per le molte sostanze chimiche che inquinano l'aria, l'acqua e terra su cui fare affidamento per sostenere la vita. L'unico modo per proteggere veramente il più piccolo tra noi, il bambino nel grembo materno, dall'assalto tossico di un mondo inquinato è quello di rendere il mondo intero un luogo più pulito e più sicuro per crescere. La salute di un bambino, di una famiglia, di una popolazione è direttamente influenzata dalla salute dell'ambiente in cui vive.

Quando milioni di vite e miliardi di dollari vengono investiti ogni anno sugli effetti negativi delle sostanze chimiche ambientali nella nostra vita quotidiana, tutti noi soffriamo. Il mondo deve riunirsi per rendere la vita in un'ecosfera ricca di sostanze chimiche come comoda e funzionale come ci siamo abituati e allo stesso tempo diventa più sicura e meno tossica per tutti.

Le società membro di FIGO sollecitano i leader mondiali della medicina, dell'ambiente, del governo, della politica pubblica, del commercio mondiale e delle industrie chimiche e dei combustibili fossili a unirsi per il bene dei bambini che amiamo e dei bambini, speriamo che anche loro abbiano un giorno.

fonti

Di Renzo, Gian Carlo, et al. "COMUNICAZIONE SPECIALE: parere della Federazione internazionale di ginecologia e ostetricia sugli impatti sulla salute riproduttiva dell'esposizione a sostanze chimiche tossiche ambientali". International Journal of Gynecology and Obstetrics (2015). Elsevier.com . Web. 9 dicembre 2015.

"Educazione alla salute e alla medicina ambientale: principi di salute ambientale pediatrica Quali sono le considerazioni speciali riguardo alle esposizioni tossiche ai bambini giovani e in età scolare, così come agli adolescenti?" ATSDR / Agenzia per sostanze tossiche e registro delle malattie . Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, 15 febbraio 2014. Web. 12 dicembre 2015.

"Data Bank per sostanze pericolose (HSDB)." TOXNET . Rete di dati tossicologici, National Library of Medicine degli Stati Uniti . Web. 12 dicembre 2015.

"Contaminanti chimici". FDA / US Food and Drug Administration . Dipartimento della sanità e dei servizi umani degli Stati Uniti, 31 ottobre 2014. Web. 12 dicembre 2015.

"Expo-Box: strumenti di valutazione dell'esposizione per media - cibo." EPA . US Environmental Protection Agency, 11 novembre 2015. Web. 12 dicembre 2015.