Ragazzi che fumano la marijuana influenzano la reazione della prole agli oppiacei

Ragazzi che fumano la marijuana influenzano la reazione della prole agli oppiacei

DOCUMENTALES INTERESANTES ツ? METANFETAMINA,La Verdad sobre Cristal,DOCUMENTALES EN ESPAÑOL,DROGAS (Potrebbe 2019).

Anonim

Ci sono molti genitori che ammettono di provare marijuana almeno una volta durante la loro adolescenza. Anche se potrebbe non sembrare un grosso problema al momento, fumare marijuana potrebbe avere un effetto a lungo termine che passa alla prole. Secondo un nuovo studio, quando gli adolescenti fumano erba possono aumentare l'effetto degli oppiacei sulla loro prole molti anni lungo la strada. Questa maggiore reazione potrebbe comportare un aumento del rischio di abuso di droghe.

Lo studio completato da ricercatori medici presso la Cummings School of Veterinary Medicine, rileva che l'uso di marijuana negli anni dell'adolescenza rischia di influenzare la prole anni dopo. I ratti nello studio sono stati esposti solo brevemente a un recettore simile al THC trovato nella marijuana. Dopo la breve esposizione, i ratti furono lasciati non esposti ai cannabinoidi fino alla riproduzione. Dopo la riproduzione, la prole ha avuto la possibilità di scegliere una camera salina o morfina. La progenie dei genitori esposti alla marijuana era più propensa a scegliere la camera della morfina rispetto alla camera salina, il che induceva i ricercatori a credere che l'impatto di quella singola esposizione al cannabinoide simile al THC fosse sufficiente per alterare la prole.

Questo è solo uno studio preliminare sui possibili effetti dell'uso di marijuana sulle generazioni future. I ricercatori osservano che i ratti sono stati esposti solo una volta, il possibile impatto di esposizioni multiple, anche di esposizioni di seconda mano, potrebbe essere sufficiente a causare rischi ancora maggiori. Altri studi hanno dimostrato che l'esposizione alla cannabis durante la gravidanza è sufficiente per influenzare lo sviluppo, aumentare il rischio di depressione e aumentare il rischio di disturbi d'ansia e ansia.

I ricercatori devono spostare lo studio in avanti per includere gli esseri umani per comprendere veramente la profondità del rischio associato all'esposizione dei giovani alla marijuana. Studi precedenti hanno rivelato che gli adolescenti non pensano che la marijuana sia una droga pericolosa. Se questo è il caso, sempre più giovani possono scegliere di provare la marijuana, che potrebbe avere un impatto abbastanza grande sulla prole, secondo questo studio.

Fonte: Tufts University. Il Journal of Psychopharmacology. (Pubblicato online presto) 15 aprile 2012.