In aereo: Disinfettare le superfici dell'aeroplano prima di sistemarsi

In aereo: Disinfettare le superfici dell'aeroplano prima di sistemarsi

Suspense: Man Who Couldn't Lose / Dateline Lisbon / The Merry Widow (Luglio 2019).

Anonim

Alcune delle più eccitanti destinazioni per la luna di miele richiedono il viaggio aereo. Frequenti volantini si abituano all'imbarco su un aereo apparentemente ordinato e pulito, ma uno studio presentato all'incontro annuale dell'American Society for Microbiology sembra indicare che è una buona idea disinfettare le superfici degli aeroplani dentro e intorno al sedile prima di stabilirsi per il viaggio.
La minaccia delle malattie trasmesse per via aerea che si diffondono attraverso cabine aeree a tenuta stagna fa notizia su una base piuttosto frequente, ma si fa poca menzione delle malattie che si diffondono attraverso la contaminazione da contatto. La contaminazione da contatto si verifica quando un passeggero tocca un bracciolo, un tavolino o un'altra superficie toccata l'ultima volta da un passeggero precedente con l'influenza, il morbillo o gli insetti di stomaco cattivi contratti dopo aver viaggiato in terre esotiche. Sono questi contaminanti di superficie che interessavano Kiril Vaglenov, della Auburn University in Alabama. Descrive il suo studio come "i risultati del nostro primo passo nello studio di questo potenziale problema".

Vaglenov non ha testato superfici su veri aeroplani, ma ha ottenuto da una grande compagnia aerea di fornirgli sei diversi materiali usati nelle cabine: bracciolo, pelle, pulsante per sciacquone in metallo, tavolino in plastica, panno per la tasca del sedile e tendina Materiale. Quindi ha applicato due comuni batteri patogeni a queste superfici prima di sottoporre i materiali alle condizioni ambientali tipiche dei viaggi aerei.
Nel corso del tempo, il livello batterico di ciascuna superficie è stato testato per scoprire per quanto tempo questi contaminanti sono sopravvissuti. Le due superfici più belle si sono rivelate:

  • L'MRSA (Staphylococcus aureus meticillino-resistente) è sopravvissuto a 168 ore (7 giorni) sulle superfici delle tasche dei sedili
  • E. coli O157: H7 è durato 96 ore (4 giorni) sul tessuto del bracciolo

Vaglenov afferma che questi contaminanti di superficie duraturi "rappresentano un rischio di trasmissione attraverso il contatto con la pelle". Sono già in corso ulteriori studi con altri patogeni, compresi i batteri che causano la tubercolosi. L'aspettativa a lungo termine del team di ricerca Vaglenov è lo sviluppo di protocolli di pulizia e disinfezione più efficaci per la massima sicurezza durante i viaggi aerei.
La maggior parte delle principali compagnie aeree utilizza un processo di pulizia in tre fasi in base alla durata del servizio di pulizia tra i voli:

  • Pulizia rapida del transito, impiegata quando gli aerei sono a terra per un breve periodo di tempo.
  • Pulizia durante la notte, quando lunghe soste consentono un lavoro di pulizia più approfondito.
  • Pulizia profonda, eseguita quando gli aerei sono messi a terra per periodi di tempo più lunghi.

Le compagnie aeree regionali possono trasportare una dozzina di passeggeri diversi per posto al giorno, a seconda dell'orario di volo. Una pulizia rapida delle superfici delle aree passeggeri tra così tanti voli brevi potrebbe non essere efficace come alcuni passeggeri preferiscono. I voli internazionali sono solitamente più puliti, perché una sola persona rimane in un posto per voli estesi e le soste durano più a lungo per il rifornimento di carburante.
fonti:

  1. "I batteri possono lenire sulle superfici dell'aeroplano per giorni". Asm2014 / ASMevents. American Society for Microbiology. 20 maggio 2014. Web. 2 giugno 2014.
  2. Yeung, SSM, et al. "Mondo al lavoro: pulizia della cabina dell'aeromobile." Medicina del lavoro e ambientale. BMJ Publishing Group Ltd. 2005. Web. 2 giugno 2014.